Lesione e Infiammazione della Cuffia dei Rotatori

Arti superiori

La cuffia dei rotatori, un gruppo di quattro muscoli e tendini, gioca un ruolo cruciale nel movimento e nella stabilità della spalla. Infiammazioni e lesioni a queste strutture sono tra le principali cause di dolore alla spalla. Scopri le cause, i sintomi e i trattamenti per queste condizioni comuni.

Sintomi

I sintomi di un’infiammazione o di una lesione alla cuffia dei rotatori possono includere dolore alla spalla, in particolare quando si solleva il braccio o si solleva la testa, debolezza del braccio e difficoltà a dormire sul lato interessato. Oltre al dolore, che spesso si accentua durante il riposo notturno, e deficit della forza durante movimenti specifici, i pazienti spesso lamentano difficoltà e dolore legati a movimenti quotidiani come la pettinatura dei capelli, indossare camicie, allacciare il reggiseno oppure prendere il portafogli dalla tasca posteriore. Riepilogando i sintomi:

  • dolore alla spalla
  • dolore e deficit di forza al braccio
  • difficoltà a dormire
  • difficoltà nei movimenti quotidiani

Cause

La causa più comune di uno strappo della cuffia dei rotatori è l’uso eccessivo, in particolare nelle persone che compiono movimenti ripetitivi sopra la testa, come gli atleti o i lavoratori manuali. Con l’avanzare dell’età, i tendini della cuffia dei rotatori possono indebolirsi e diventare più suscettibili alle lesioni, infatti con l’invecchiamento, il disuso o l’uso eccessivo, l’afflusso di sangue al tendine si riduce diminuendone l’elasticità ed aumentandone la fragilità. In genere, il tendine più coinvolto per rottura è il sovraspinato. Altre cause di infiammazione o lesione della cuffia sono ricercare il traumi diretti sull’articolazione della spalla. Dunque i fattori di rischio sono:

  • uso eccessivo
  • invecchiamento
  • movimenti ripetitivi 
  • traumi diretti alla spalla

Terapie

Il trattamento di uno strappo della cuffia dei rotatori dipende dalla gravità della lesione. Una valutazione specialistica è utile per comprendere l’entità della lesione tramite test e indagini strumentali. Nei casi più gravi, può essere necessario un intervento chirurgico per riparare o riattaccare il muscolo o il tendine danneggiato, ma nella maggior parte dei casi il primo approccio è sempre quello fisioterapico conservativo con l’ausilio farmacologico. Lo scopo dei farmaci è quello di far regredire l’infiammazione e l’ispessimento dei tendini mentre il lavoro di terapia manuale e strumentale ha come obiettivo il recupero della mobilità articolare e della rigenerazione muscolare contribuendo così al tempo stesso ad una regressione infiammatoria, ad un recupero più veloce del movimento e della sintomatologia dolorosa.  È inoltre importante affrontare tutti i fattori legati allo stile di vita che possono contribuire alla lesione, come una postura scorretta o un uso eccessivo. Questo può includere cambiamenti nelle abitudini di lavoro, come fare pause frequenti per fare stretching, o evitare ulteriori attività che mettono sotto stress la spalla. Il fisioterapista può essere una figura di riferimento per questi consigli che evitano spiacevoli recidive.

Scrivimi direttamente su WhatsApp, Facebook o tramite Mail per prenotare una visita
Prenota una prima visita di fisioterapia in studio o online!​
Copyright © 2023 Antonio Ambrosio